Secretello

quando

2015

Le scrivanie sono un luogo molto speciale, intimo e pubblico allo stesso tempo, uno spazio molto personale. È uno spazio appunto, un territorio dove si dispiegano i propri strumenti, i propri oggetti di lavoro, qualche ricordo, qualche oggetto di affezione, qualche libro, qualche documento che serve, qualche altro che adesso non serve ma non si sa mai.

La scrivania sicuramente un luogo che riflette la personalità del suo proprietario e si sa, la personalità è la cosa più preziosa che abbiamo e alla quale dedichiamo tanti sforzi della nostra esistenza. Le belle personalità meritano essere messe in vista, mostrate, valorizzate, perché i buoni team di lavoro sono fatti da personalità belle e diverse e un buon team di lavoro si riconosce anche dal luogo dove lavora. Se quindi una scrivania è una vetrinetta nell'ufficio vuoto, quando non c'è più nessuno, si inaugura la mostra delle cose delle belle persone. 

Michele De Lucchi

Published: 10 Aprile 2015
NEWS CORRELATE

New Products | 2020.06.25

Pannelli Add-Ons

Gli eventi dell’ultimo periodo hanno radicalmente modificato la quotidianità delle persone all’interno dei loro luoghi di lavoro.
Un ambiente sicuro che garantisce benessere e comfort in ufficio è ora più che mai fondamentale.

New Products | 2020.04.14

Touch Down Unit, la rivoluzione del work-at-home

Smart-working, nuove tecnologie, globalizzazione e una cultura del lavoro always-on hanno profondamente cambiato la natura dello spazio di lavoro a cui eravamo abituati. 

New Products | 2016.06.20

Compasso d’Oro ADI

La Giuria Internazionale del XXIV Compasso d’Oro ADI ha conferito la Menzione d’onore a Parete SC&A, sistema modulare per pareti vetrate disegnato da Pierluigi Cerri e Alessandro Colombo - Studio Cerri & Associati per UniFor.

New Products | 2015.04.10

Hatch

"Hatch di UniFor è un muro che fa tutto quello che un muro deve fare. Separa, divide e come tutti i buoni hatch è trasparente perché lascia intravvedere cosa c'è dietro, la carta nei disegni e lo spazio nella realtà. Nella versione parete è la porta che sostiene il muro. Giustamente un muro ha senso se si può andare di là. Nella versione ufficio fa da scrivania e da divano. Una volta davanti alle scrivanie si mettevano le sedie per i visitatori e il padrone della scrivania poteva mettersi in cattedra e sentenziare. Oggi è più educato e conviviale sedersi su un divanetto e conversare senza sentenziare. Con Hatch davanti alla scrivania c'è il divano."

Michele De Lucchi