Aldo Rossi

Aldo Rossi

Per UniFor ha realizzato Parigi, Cartesio, Consiglio

Fondazione Aldo Rossi
website

Aldo Rossi (1931-1997) nasce a Milano, dove compie la sua prima formazione presso il Politecnico. Dopo la laurea, nel 1970, comincia a collaborare anche con diverse università americane tra cui Harvard e Yale University. Ricopre incarichi prestigiosi, come quello di Direttore della sezione architettura della Biennale di Venezia nel 1983, e la sua attività progettuale si divide tra edilizia privata e pubblica.

Tra i suoi progetti si ricordano l’unità residenziale al quartiere Gallaratese di Milano, il Cimitero di San Cataldo di Modena, la ristrutturazione del Teatro Carlo Felice di Genova, l’isolato tra Kochstrasse e Friedrichstrasse a Berlino, la ricostruzione del Teatro “La Fenice” di Venezia, il Bonnefantenmuseum a Maastricht. Architetto e studioso, nominato Accademico di San Luca nel 1979, insignito del Pritzker Prize 1990 e della Thomas Jefferson Medal in Architecture nel 1991, Aldo Rossi è noto anche per la sua attività di designer – con collaborazioni con Alessi, Artemide, Longoni, Molteni, UniFor – e artista, passando per l’opera pittorica e grafica, da sempre legata alla sua attività progettuale.

Álvaro Siza

Álvaro Siza

Per UniFor ha realizzato Régua

Álvaro Joaquim Melo Siza Vieira (1933) nasce a Matosinhos in Portogallo. Studia presso la Scuola di Architettura di Porto, dove, alla fine degli anni cinquanta apre un proprio studio. Dalla metà del decennio successivo diventa professore universitario in molte università internazionali, che lascerà poi per dedicarsi solamente alla cattedra di Costruzione all'Università di Porto.

Tra le numerose realizzazioni ricordiamo il padiglione del Portogallo all'Expo ‘98 di Lisbona, con Eduardo Souto de Moura; il complesso residenziale Bonjour Tristesse a Berlino; interventi di ricostruzione della zona del Chiado a Lisbona. È stato insignito di numerosi premi e onorificenze, tra i quali il Pritzker Prize nel 1992, il RIBA's Royal Gold Medal nel 2009 e il Leone d'Oro alla Carriera in occasione della 13° Mostra Internazionale di Architettura di Venezia nel 2012. È membro della American Academy of Arts and Science, "Membro Onorario" del Royal Institute of British Architects, AIA/American Institute of Architects, Académie d'Architecture de France e European Academy of Sciences and Arts e American Academy of Arts and Letters.

Andrée Putman

Andrée Putman

Per UniFor ha realizzato Parete AP

Andrée Putman (1925-2013) nasce a Parigi. Avviata alla carriera musicale, si avvicina al design collaborando con riviste come Elle e L'oeil e con agenzie di pubblicità. Nel 1978 fonda Écart, studio di interior design, imponendosi per la raffinata armonia delle linee come riferimento per la realizzazione di eleganti negozi di moda, alberghi di lusso in tutto il mondo e portando arte e design nei supermercati Prisunic. Negli anni ’80 crea il primissimo boutique hotel: il Morgans a New York. Tali conquiste la portano su percorsi eclettici: dal Museo delle Belle Arti di Rouen al CAPC a Bordeaux, dal Guggenheim all’Esposizione Universale di Siviglia. Disegna gli interni del Concorde per Air France, la Parete AP per Unifor e il set per The pillow book di P. Greenaway. I suoi lavori più recenti includono i ristoranti Lô Sushi a Parigi, Bastide a Los Angeles, un’importante collezione di argenteria con Christofle e la sua fragranza Préparation Parfumée.

Angelo Mangiarotti

Angelo Mangiarotti

Angelo Mangiarotti (1921-2012) nasce a Milano, dove si laurea in Architettura al Politecnico. Nei primi anni ‘50 lavora negli Stati Uniti; durante questo periodo conosce Frank Lloyd Wright, Walter Gropius, Mies van der Rohe e Konrad Wachsmann. Architetto, designer e urbanista, oltre al disegno industriale, è l'architettura legata alle infrastrutture e all'urbanistica, nonché all'ingegneria strutturale ciò che lo rende famoso in tutto il mondo.

La sua attività progettuale e di collaborazione con molte importanti aziende di arredamento italiane è contrassegnata da numerosi riconoscimenti, sia nel campo delle costruzioni che in quello del design, in Italia e in altri paesi. Uno dei fondatori dell'ADI - Associazione per il Disegno Industriale, ha una visione dell'architettura come un'arte pratica, sobria e funzionale; il disegno industriale è per Mangiarotti un'espressione di manualità dell'artigiano sulla materia ma mai a discapito della funzione. Per UniFor ha progettato la sede dell’azienda a Turate (Menzione speciale in/Arch 1989).

Fernando Urquijo

Fernando Urquijo

Per UniFor ha realizzato Media MoodWay

Fernando Urquijo è un architetto argentino, laureato presso l’Università di Buenos Aires, dove nel 1964 entra a far parte del corpo docente. Fernando Urquijo considera gli architetti Elliot Noyes e Gino Valle suoi mentori, in quanto hanno contribuito in modo decisivo alla sua carriera di progettista. Sotto la direzione di Elliot Noyes, Rettore della Harvard Graduate School of Design, diventa responsabile del programma di architettura di IBM Europa, e partecipa a numerosi progetti, a capo di architetti quali Norman Foster, Jorgen Bö e Renzo Piano. In questo periodo collabora a una ricerca di fondamentale importanza sul comportamento degli impiegati in uffici di grandi dimensioni in Europa. Con Gino Valle e Giorgio Macola, nel 1985 apre a Parigi uno studio che progetta uffici e sedi per grandi committenti, quali Société Générale, Thompson e Allianz.

Un lungo e proficuo rapporto come designer lega l’architetto a numerose aziende, tra cui UniFor, per la quale disegna diversi sistemi di arredo per ufficio. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti in ambito internazionale. Attualmente suddivide il suo tempo lavorando tra Parigi e la sua città natale Buenos Aires.

Foster + Partners

Foster + Partners

Per UniFor ha realizzato Element Office Collection Element Office Collection

Foster+Partners

 

Foster+Partners is one of the most innovative architecture and integrated design practices in the world. Over the past four decades the practice has pioneered a sustainable approach to architecture through a strikingly wide range of work, from urban masterplans, public infrastructure, airports, civic and cultural buildings, offices and workplaces to private houses and product design. Based in London, with offices worldwide, the practice has an international reputation, with buildings in six continents.

Jean Nouvel Design

Jean Nouvel Design

Per UniFor ha realizzato LessLess Color LessLess Color Cases LessLess

Jean Nouvel Design
website

Jean Nouvel (1945) nasce a Fumel in Francia. Dopo la laurea, assistente dell’architetto Claude Parent e ispirato dall’urbanista e saggista Paul Virilio, inizia le sue prime esercitazioni di architettura; diventa un membro fondatore del Movimento “Mars 1976”, e successivamente fondatore della French Architecture Union.

Il primo approccio di Nouvel al design nasce dall'esigenza di creare oggetti per le proprie architetture, come il tavolo Less, prodotto da UniFor per la sede della Fondation Cartier. Tra le sue innumerevoli opere: Institut du monde arabe a Parigi; insieme a Fumihiko Maki e Norman Foster, tre delle cinque torri del progetto di ricostruzione di Ground Zero a New York; la Torre Agbar a Barcellona; il Teatro Mariinski a San Pietroburgo. Si aggiudica prestigiosi premi, francesi e internazionali, tra i quali nel 2000 il Leone d’Oro alla Biennale di Venezia, nel 2001 il Royal Gold Medal del Royal Institute of British Architects (RIBA), nel 2008 il premio Pritzker Prize.

Luca Meda

Luca Meda

Luca Meda (1936-1998) nasce a Chiavari, ma cresce e studia a Milano, dove si diploma alla Scuola d'Arte di Brera. Prosegue poi gli studi in Germania, alla Hochschule für Gestaltung di Ulm, uno degli istituti di design più prestigiosi a livello internazionale. Cruciale nella sua carriera è l'incontro con Aldo Rossi, col quale apre uno studio e partecipa a molti concorsi, come quello per il Museo di Storia Contemporanea di Milano. Architetto ma anche designer, lega sapientemente questi due ambiti della sua verve creativa: dai progetti urbani agli arredi concepiti per indagare nuove funzionalità. Dalla fine degli anni '70 si dedica al design e alla progettazione in serie. Lavora soprattutto con le aziende del Gruppo Molteni e progetta una serie di mobili e sistemi di partizione divenuti icone del design, come la libreria Piroscafo con Aldo Rossi, le sedie Zim e Ho, la poltrona Vivette, il divano Primafila, per Molteni&C; le cucine Banco e Nuvola, per Dada; le pareti attrezzate Progetto 25 e P4 e il sistema di arredi Misura per UniFor.

Luciano Pagani, Angelo Perversi

Luciano Pagani, Angelo Perversi

Per UniFor ha realizzato Flipper FortyFive Flipper FortyFive Move010 Flipper

Luciano Pagani e Angelo Perversi (1950) si laureano in architettura al Politecnico di Milano. Fondano a metà degli anni ’80 uno studio associato dove affrontano tematiche di architettura, design, luce e art direction. Tra i lavori più rilevanti, a livello di progettazione architettonica, si segnala la sede romana della redazione de La Repubblica; le sedi del Corriere della Sera (Milano e Roma); la sede della Gazzetta dello Sport.

L’attenzione al legame tra architettura e luce porta gli architetti a realizzare numerosi progetti per gallerie d’arte, musei e palazzi pubblici. A livello di progettazione di prodotto, lo studio collabora con molti grandi nomi del design internazionale e aziende quali Flos, Joint, FontanaArte, Zanotta, UniFor, Poltrona Frau. Gli architetti hanno vinto 2 Compassi d’Oro: nel 1987 per le librerie modulari Hook System, per Joint; nel 1998 per i tavoli e i contenitori per ufficio Move e Flipper, disegnati per UniFor.

Michele De Lucchi

Michele De Lucchi

Per UniFor ha realizzato Hatch Teamer Teamer Secretello MDL System

Michele De Lucchi (1951) nasce a Ferrara. Dopo la laurea in Architettura a Firenze, nel corso degli anni ‘80 consolida il rapporto con Olivetti, iniziato nel 1979 grazie a Sottsass, che a De Lucchi aveva affidato i progetti dei sistemi d'arredo per ufficio della divisione Synthesis. Negli stessi anni comincia a disegnare lampade ed elementi d'arredo per le più conosciute aziende italiane ed europee. Spaziando dal prodotto all'arredo alla grafica, il suo approccio al progetto – globale e trasversale – fa dell'architettura un sistema integrato. Nel 1987 esce la Tolomeo per Artemide, lampada da tavolo con la quale De Lucchi vince il primo Compasso d'oro ADI; il secondo sarà per la stampante Artjet 10 di Olivetti. Negli anni recenti sviluppa numerosi progetti di architettura per committenze private e pubbliche e cura l'allestimento di importanti mostre. Produzione Privata è il marchio con cui progetta oggetti e piccoli arredi, realizzati collaborando con maestranze artigiane.

Pierluigi Cerri

Pierluigi Cerri

Per UniFor ha realizzato Naòs

Pierluigi Cerri (1939), laureato al Politecnico di Milano, è socio fondatore della Gregotti Associati con cui vince numerosi concorsi d’architettura. Nel 1976 dirige l’immagine della Biennale di Venezia; responsabile dell’immagine della Kunst-und Ausstellungshalle di Bonn e di Palazzo Grassi a Venezia; redattore delle riviste Casabella e Rassegna; cura il design di collane editoriali per le maggiori case editrici italiane; progetta diversi allestimenti nelle più importanti sedi museali in Europa, Giappone e Stati Uniti d’America, incluso quello per Shanghai Italian Center Pavilion post Expo 2012.

È il responsabile della corporate identity del centro culturale del Lingotto di Torino, di UniFor, Pitti Immagine, Prada, Cosmit e molti altri. Ha disegnato oggetti e allestimenti per UniFor, B&B Italia, Poltrona Frau, Fontana Arte, Arflex, Molteni&C, Fusital, Desalto. Tra i vari riconoscimenti ricordiamo il Compasso d’Oro nel 1995, per l’immagine grafica di UniFor; nel 2001 per il tavolo Titano di Poltrona Frau, e nel 2004 per mobili e tavoli da ufficio Naos System di UniFor. Nel 1998 fonda con Alessandro Colombo lo Studio Cerri & Associati.

Renzo Piano

Renzo Piano

Per UniFor ha realizzato Parete RP

Renzo Piano (1937) nasce a Genova. Durante l’università, al Politecnico di Milano, lavora nello studio di Franco Albini; dopo la laurea, inizia a sperimentare con strutture leggere, mobili e temporanee; compie numerosi viaggi di ricerca e di scoperta in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, e nel 1971 fonda a Londra lo studio “Piano & Rogers” in collaborazione con Richard Rogers, con cui vince il concorso per il Centre Pompidou di Parigi, città nella quale si trasferisce.

Successivamente collabora con l’ingegnere Peter Rice, creando l’”Atelier Piano & Rice” e nel 1981, costituisce il “Renzo Piano Building Workshop”, con sedi a Parigi, Genova e New York. Il rigore costruttivo e la leggerezza formale che caratterizzano i suoi progetti sono presenti anche nelle realizzazioni di design, tra le quali il sistema di partizione Parete RP, per UniFor. Tra gli innumerevoli premi ricordiamo il Pritzker Architecture Prize nel 1998. Nel Settembre 2013 Renzo Piano è stato nominato Senatore a Vita dal Presidente Giorgio Napolitano.

Studio Cerri & Associati

Studio Cerri & Associati

Per UniFor ha realizzato Parete SC&A Naòs System

Nel 1998 Pierluigi Cerri e Alessandro Colombo danno vita allo Studio Cerri & Associati svolgendo la progettazione nei campi dell’architettura, dell’industrial, exhibit, graphic, interior e naval design. I partners hanno realizzato: a Milano la ristrutturazione di Palazzo Marino alla Scala, la sede E.Biscom, la Fondazione Arnaldo Pomodoro e la Triennale Bovisa; i nuovi Padiglioni della Fiera di Bologna; il restauro di Palazzo Rosso a Genova; le sedi UniFor a Milano, Londra, Sydney, Melbourne e Toronto; il museo della Domus del Chirurgo a Rimini; il Creative Center a Casalgrande; il progetto delle sedi Triennale a Shanghai/New York e quello di restauro della Villa Reale di Monza.

Numerosi sono gli allestimenti nelle più importanti sedi museali, fieristiche e le boutiques in Europa, Giappone e Stati Uniti d’America. I partners hanno progettato la corporate identity per Prada America’s Cup, Genova04 Capitale Europea della Cultura, MART di Rovereto, City Life e Valextra e curano l’immagine per iGuzzini, UniFor, Dada, Artemide, La Triennale di Milano, Mito Settembre Musica, Sea Aeroporti e Salone del Mobile di Milano. Hanno progettato gli interni e la livrea dei nuovi treni ad alta velocità NTV, hanno curato la grafica del Nuovo Evangeliario Ambrosiano e nel 2012/13 i nuovi allestimenti per lo Shanghai Italian Center. Riconoscimenti: Compasso d’Oro nel 2001 (Titano per Poltrona Frau) e nel 2004 (Naos System per UniFor premiato anche con il Gold Product Design all’Industrie Forum Design 2003 di Hannover); International Super Yacht Design Award; nel 2006 Premio Nazionale Ance-In/Arch per la Fondazione Arnaldo Pomodoro a Milano.

Vittorio Magnago Lampugnani

Vittorio Magnago  Lampugnani

Per UniFor ha realizzato Akoe

Vittorio Magnago Lampugnani (Roma 1951), architetto e teorico del progetto, studia architettura a Roma e Stoccarda, conseguendo, dopo la laurea, il dottorato. Professore di architettura a Harvard, Francoforte sul Meno e Pamplona, ricopre dal 1994 la cattedra di Storia della Progettazione Urbana presso l'Istituto Federale Svizzero di Tecnologia (ETH) di Zurigo; dal 2010 è Preside dell'Istituto di Storia e Teoria dell'Architettura.

Tra i progetti più importanti del suo Studio di architettura a Milano si segnala: Edificio per Uffici nel Blocco 109, Berlino (1991-1996); la Piazza d’ingresso alla fabbrica Audi di Ingolstadt (1999-2000); pianificazione urbanistica del Campus Novartis a St.Johann, Basel, (2001); masterplan Novartis Campus, East Hanover (2002); stazione della metropolitana di Mergellina, Napoli (2004-2011); restyling delle banche Donau, Regensburg (2004); masterplan dell’area Richti, Wallisellen, compresa la pianificazione degli spazi aperti e di un blocco residenziale con negozi (2007). Numerose sono le sue pubblicazioni di architettura e le mostre.