Due carpe: acqua/terra - villaggi/città. Fenomenologie

Mostra monografica
di Kengo Kuma
Palazzo della Ragione
Padova, 2007-2008

Kengo Kuma ospite d'onore della terza edizione della Biennale Internazionale di Architettura "Barbara Cappochin". Con un allestimento curato dallo stesso Kuma in collaborazione con Carlotta De Bevilacqua, la mostra inedita “Due carpe: acqua/terra - villaggio/città - Fenomenologie” presenta un viaggio ideale che si snoda attraverso l’antica tradizione giapponese, coinvolgendo il pubblico in un percorso tanto originale quanto emozionante. Due imponenti strutture a forma di carpa, costruite in organza e visitabili anche dall’interno, insieme a una pedana di vetro retroilluminata fungono da schermi per le proiezioni delle opere più celebri dell’architetto giapponese, che racconta, in questo modo, la propria esperienza artistica e professionale. L’uso delle carpe, che in Giappone sono il simbolo della nuova vita, rappresenta “il legame stretto fra il nuovo design dell’architettura e la tradizione, oltre che un ponte ideale tra Italia e Giappone”. UniFor sostiene l’iniziativa in qualità di sponsor tecnico.